Corso di Fotografia in un weekend
6 ottobre 2015
Fermare il Tempo con la Fotografia
10 febbraio 2016

Fotografare per suggerire emozioni

Mi ha colpito una frase di Brassai Gyula Halsz

“Per me la fotografia deve suggerire, non insistere a spiegare”

Verissimo. Tra le basi del giornalismo fotografico c’è il fatto che sicuramente un’immagine non dovrebbe avere bisogno di didascalia. La grande foto parla da sola.

E mai giudicare un fotografo dalle macchine che usa (molti adoperano ancora quelle analogiche a pellicola) ma piuttosto dalla capaciità di comporre e capire la luce migliore per una foto.

Sostengo da sempre che in un’immagine non è importante il soggetto, ma come viene interpretato. Penso a un quadro con un vaso di fiori come si vede alle fiere o lungo i Navigli. Poi mi vengono in mente i girasoli di Van Gogh e le soluzioni di De Pisis e Picasso. C’è un abisso, perché è intervenuta una forte capacità di trasformare e non solo riprodurre la realtà.

Ho scattato foto belle con soggetti banali: una rampa di scale, operai al lavoro, un autista che cambia la gomma di un bus, due ombrelloni celesti davanti al mare.

Anzi, a volte soggetti famosi (architetture a Venezia e Firenze, paesaggi in Andalusia, Parigi, il Taj Mahal, ecc) sono più difficili da fotografare perché ormai li abbiamo visti in mille inquadrature e non è facile evitare la banalità.

E poi la grande Bellezza è quasi insultante, difficile da rappresentare.
Cercate quindi di essere semplici, di selezionare con cura i soggetti, trovando la migliore inquadratura con pazienza e curando la luce. Avrete certamente grandi risultati.

Ottimo sarebbe scegliersi un bravo maestro che vi segua. Non facile, ma possibile.

Lascia un commento